Stalking e mobbing

Lo stalking e la molestia possono modificare le abitudini quotidiane e la percezione della realtà. Può essere importante per la vittima, valutare le caratteristiche personali che derivano da un comportamento persecutorio esterno. Al fine di determinare la presenza di uno stato traumatico e di un danno, occorre effettuare un’analisi comparativa tra lo stato pre-morboso e l’attuale condizione psicopatologica della vittima. La valutazione dello stato di ansia e di personalità valutate in un momento iniziale, possono differenziare il danno dovuto dalla reiterazione dell’anormale abitudine di vita. Essendo difficile una valutazione dello stato pre-morboso, si può proporre un punto zero della problematica affettiva, emotiva, comunicativa e relazionale dell’eventuale vittima. Le valutazioni vengono videoregistrate per la misurazione di un danno successivo legato a condotte di mobbing e stalking subite.